Nostro Figlio

Service Learning: il cavallo di Troia dell’apprendimento

Stampa
Service Learning: il cavallo di Troia dell’apprendimento

Aiutare la collettività per apprendere conoscenze e competenze nuove attraverso un’attività gratificante e motivante: è il Service Learing, il cui festival si è tenuto dal 24 al 26 novembre a Mestre

l Service Learning, ciò che in italiano traduciamo con Apprendimento Servizio, potrebbe essere descritto come un'educazione civica non appresa sui banchi a livello teorico, bensì incarnata. La definizione coniata da uno dei pionieri, la professoressa argentina María Nieves Tapia, lo descrive come “un insieme di progetti o programmi di servizio solidale, destinati a soddisfare in modo delimitato ed efficace un bisogno vero e sentito in un territorio, lavorando con e non soltanto per la comunità, con una partecipazione da protagonisti degli studenti e collegato in modo intenzionale con l'apprendimento”.

Questa metodologia, diffusa da tempo negli Stati Uniti, in America Latina e in Europa, sposta dunque il focus dell’apprendimento su dinamiche di servizio alla comunità. Eppure è radicalmente diversa dalle esperienze di volontariato extrascolastico perché il suo scopo è soprattutto quello di far acquisire allo studente conoscenze e competenze nuove attraverso un’attività gratificante e motivante.

IL FESTIVAL DEL SERVICE LEARNING

Dal 24 al 26 novembre si è svolto a Mestre, in provincia di Venezia, il Festival Nazionale del Service Learning che ha richiamato ospiti del calibro di Italo Fiorin (presidente della Scuola di Alta Formazione EIS), Andrew Furco (University of Minnesota), Marìa Nieves Tapia (Centro Latinoamericano de Aprendizaje y Servicio Solidario), Pilar Aramburuzabala (University of Madrid). Nella sede dell'M9- Museo del’900, sono arrivate scuole da tutte Italia, accolte dal saluto inviato dal ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi.

Nel corso della manifestazione sono stati selezionati modelli esemplari di progettazione: innovativi nella proposta didattica, metodologica e per la ricaduta come servizio al territorio. L’espressione coniata da Andrew Furco, “Il Service Learning è il cavallo di Troia dell’apprendimento”, rende bene l’idea di uno strumento nuovo, una sorta di ariete capace di sfondare i cancelli di una certa scuola ancora avviluppata su se stessa. Una metodologia (attualmente la più concreta) per costruire azioni solidali, un sano protagonismo degli studenti e un apprendimento pianificato e integrato intenzionalmente, capace di porre in essere iniziative coerenti con le sfide dell’Agenda ONU 2030, con gli obiettivi e la costruzione del senso di appartenenza e di responsabilità cui quel documento richiama.

IL SERVICE LEARING IN ITALIA

L’Italia è in ritardo rispetto al resto del mondo nell’adozione del Service Learning. Le ragioni di tale ritardo sono da ricercare anche nel protrarsi della pandemia, ma la situazione emergenziale può costituire al contempo la molla per guardare alle potenzialità della sua adozione. “Come nel famoso quadro di Caravaggio San Paolo caduto da cavallo anche noi siamo, come il santo, nella condizione di dover guardare il mondo dal basso, dalla posizione di fragilità in cui ci ha riversato la pandemia - ha detto Italo Fiorin - La speranza, l’esigenza di impegnarci in azioni di solidarietà nascono dal bisogno, dalla gratuità, dall’esigenza di collaborazione”.

Il Service Learning inoltre è perfetto per raggiungere gli obiettivi delineati dalla Legge 92/2019 sull’insegnamento dell’Educazione civica e per potenziarne l’efficacia, contribuendo alla crescita personale dei ragazzi grazie all’esperienza maturata nel sociale. Favorisce la nascita di comportamenti pro-sociali e attiva concretamente quelle soft skills che le Raccomandazioni Europee del 22 maggio del 2018 ci chiedono di incentivare.

LA SCUOLA DEL FUTURO

L’applicazione del Service Learning infine induce a un ripensamento del paradigma valutativo. Le prassi scolastiche sono ancorate ad una valutazione istituzionale, ancora prevalentemente disciplinare, e di tipo procedurale: un algoritmo basato sulle prestazioni, in una visione ragioneristica che il ministero dovrebbe finalmente rivedere. Mario Castoldi, dell’Università di Torino, prova a individuare nuovi criteri valutativi che tengano conto del saper agire in una situazione di corretta analisi del bisogni; saper individuare strategie d’azione e per la risoluzione dei problemi; avere la volontà di agire, in cui entrano meccanismi di autostima, motivazione, impegno, rispetto delle regole. La valutazione dei nuovi processi di apprendimento innescati dal Service Learning ci porta a guardare alla parte di iceberg sommerso. Al processo, oltre che al prodotto. Per svincolarsi da una valutazione meramente certificativa e considerare invece il monitoraggio in itinere dei percorsi di apprendimento, da collocare su una scala metrica non ordinale, secondo una logica dell’apprezzamento che accantoni definitivamente la logica misurativa.

Per concludere, i ragazzi si infiammano su temi etici, a quell'età propendono naturalmente al bene comune. Sono capaci di rendersi protagonisti e di accettare le sfide sociali e solidali, se la scuola si apre al territorio. Per dirla con Plutarco, con un’espressione ormai abusata ma ancora calzante, “I ragazzi sono fiaccole da accendere, non vasi da riempire”. Un’istruzione finalmente inclusiva, a partire dai temi, sarà in grado di accogliere le sfide dell’equità sociale e potrà incentivare una crescita economica duratura. Perché le città siano insediamenti inclusivi, resilienti, finalmente sostenibili, e lo siano a partire dai “cittadini competenti” che la scuola sarà capace di formare, anche attraverso l’istituzionalizzazione del Service Learning.

Articolo a cura di Sonia Caputo

CATEGORY: 1